Tunisia: opportunità imprenditoriali

PREMESSA

Questo articolo è frutto di considerazioni personali, dettate da un’esperienza di 15 anni di vita e lavoro in Tunisia. Ma vogliamo fare almeno due premesse:

  • Non si vuole in alcun modo urtare la sensibilità di qualcuno nelle considerazioni che vengono fatte sulla società tunisina o quando si tende a generalizzare;
  • Ciò che diciamo non vuole essere in alcun modo esaustivo di quelle che sono effettivamente le opportunità imprenditoriali o di business nel piccolo Paese dell’Africa mediterranea. Anche perché, per esperienza, sappiamo che il successo o l’insuccesso di un business plan non dipende solamente dal suo inserimento nel contesto perfetto, né dalla cosiddetta “idea giusta” al momento giusto. Ci sono molte altre variabili che entrano in gioco e un business plan deve essere elastico e pronto a modificarsi in corso d’opera.

Ergo, abbiamo voluto solo darvi un’idea generale di come vediamo la Tunisia, come terreno in cui piantare un progetto imprenditoriale. Per il resto, vi auguriamo buona lettura e non esitate a commentare.


Il Paese della Rivoluzione dei Gelsomini attrae investitori da tutto il mondo, Italia compresa, per diverse ragioni:

  • politiche fiscali vantaggiose
  • manodopera qualificata a costi inferiori rispetto all’Italia
  • è tra i Paesi più stabili e sviluppati dell’area MENA
  • posizione strategica

Il settore medico-farmaceutico

La Tunisia è stata uno dei primi Paesi del continente africano a dotarsi di una propria industria medicale-farmaceutica che continua ad essere caratterizzata da un notevole potenziale di crescita.

A partire dagli anni ’90, l’introduzione di incentivi e di un adeguato quadro giuridico e regolamentare ha favorito lo sviluppo dell’industria locale di prodotti medicali. Il settore, che in passato copriva una percentuale irrisoria della richiesta del mercato interno, in questi ultimi anni è passato a soddisfarne circa la metà.

Il settore agricolo

Le aziende agricole tunisine esportano olive e olio d’oliva e altri prodotti della terra tipici di tutta la macchia mediterranea (pomodori, peperoni, melograni, limoni, arance) oltre ai deliziosi datteri deglet en-nour del Sahara tunisino.

Photo by Philippe Bertrand on Unsplash

Il settore turistico

Gli alberghi vorrebbero riempirsi di nuovo di italiani che, purtroppo, dopo i disordini del 2011 e il terribile attentato del 2015 al Museo del Bardo sembrano ancora aver paura di venire in vacanza nella bellissima e giovane democrazia tunisina. In questo momento e già da qualche anno lavorano tantissimo con i tour operator russi.

Il tessile

L’italiana Benetton è solo una delle tante imprese straniere, che operano nel campo del tessile e dell’abbigliamento, che ha deciso da tempo di inaugurare dei propri impianti in Tunisia, sfruttando il basso costo della manodopera.


COSA OFFRE LA TUNISIA

La Tunisia è piena di bravissimi professionisti perché la qualità dell’insegnamento delle università statali è alta e studiare all’università è praticamente gratuito. Quello che manca spesso è il metodo nell’ambito lavorativo. Si riscontrano delle difficoltà a pianificare e organizzare in maniera efficace. Ciò è dovuto al fatto che a scuola acquisiscono ottime conoscenze, ma non competenze. Quindi potrebbero servire professionisti italiani che facciano formazione post-laurea e supervisione nelle aziende.

Photo by Breakreate on Unsplash

La Tunisia è un Paese pieno di bambini e di giovani e i genitori tunisini tengono tantissimo alla formazione dei propri figli e ci investono anche a costo di enormi sacrifici. Infatti, il settore delle scuole private di ogni grado e dei centri di formazione è attualmente in piena espansione perché c’è tanta richiesta.

In Tunisia si può esportare il Made in Italy di lusso, soprattutto nel settore arredamento. Però da tenere a mente che i francesi sono già piazzati un po’ ovunque e da tempo. Non è facile competere con loro. Ultimamente, anche i prodotti turchi hanno invaso il Paese, soprattutto per i beni alla portata delle classi medio – basse.

In una scala accessibile al giovane e piccolo investitore si può puntare alle startup nel settore informatico e di sviluppo software, grazie al personale locale qualificato e affidabile, ma a costi inferiori rispetto alla media europea.

Le principali sfide per fare business in Tunisia

  • Affidarsi a professionisti seri: commercialisti, avvocati, consulenti.
  • Seguire le regole e le leggi locali senza pensare di poterle scavalcare o ignorarle perché “tanto siamo in Africa…”
  • Conoscere la lingua francese bene e imparare il dialetto tunisino almeno a livello base.

Le relazioni interpersonali vengono prima del lavoro. Non c’è niente di strano se all’inizio di un business meeting, condotto con calma davanti ad una squisita tazza di tè alla menta, viene chiesto come stanno i propri cari e se a casa va tutto bene. La famiglia e un buon matrimonio sono le cose più importanti per il tunisino medio.


CONTATTACI

Alba Services è uno studio di consulenza specializzato in soluzioni per ridurre i costi di produzione. Siamo il punto di riferimento per chi vuole intraprendere e creare valore con la Tunisia.

Sei un imprenditore o un professionista interessato a conoscere le opportunità che il Paese dei gelsomini ha in serbo per te? Compila il modulo qui sotto per contattarci e prenotare la tua ALBA-SESSION | consulenza online di 60 minuti, gratuita e senza impegno. Sarai ricontattato dal nostro team nel giro di 48 ore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...