Mascherine protettive: avvertenze e utilizzo

In questi giorni molti si sono interessati a mettere in produzione, anche in maniera casalinga e fai-da-te, delle mascherine in stoffa. Abbiamo ritenuto necessario fare delle puntualizzazioni sul loro utilizzo ed efficacia affinché non passino alcune idee sbagliate che renderebbero controproducente l’utilizzo di queste mascherine.

Le mascherine efficaci

Partiamo dal presupposto che le uniche mascherine efficaci contro la trasmissione del COVID-19 sono quelle FFP2 e FFP3 che hanno un filtro in grado di trattenere sia in entrata che in uscita il virus.

Invece, le mascherine di tipo chirurgico possono essere utilizzate ma tenendo conto che NON servono a impedire di essere contagiati ma ad evitare di contagiare gli altri qualora fossimo infetti perché trattengono le goccioline di saliva (droplet) che emettiamo quando respiriamo, parliamo o tossiamo.

Le mascherine chirurgiche sono realizzate in un materiale chiamato TNT (tessuto-non-tessuto) e consistono in 3 strati:

  1. STRATO ESTERNO (LATO MONDO): Tessuto-non-tessuto (TNT) prodotto con tecnologia SPUNBOND con trattamento idrofobo; questo strato ha la funzione di conferire resistenza meccanica alla mascherina e proprietà idrofoba.
  2. STRATO INTERMEDIO (STRATO FILTRANTE): Tessuto-non-tessuto (TNT) prodotto con tecnologia MELTBLOWN e costituito da microfibre di diametro 1-3 micron; questo strato svolge la funzione filtrante.
  3. STRATO INTERNO (LATO VOLTO): Tessuto-non-tessuto (TNT) prodotto con tecnologia SPUNBOND; questo strato ha funzione protettiva per il volto evitando il contatto diretto della cute con lo strato filtrante intermedio.

Inoltre una mascherina chirurgica in TNT è uno strumento di protezione individuale “usa e getta” e quindi:

  • non può essere riutilizzata
  • ha una durata massima di utilizzo di 4 ore
  • dopo di che deve essere gettata nella spazzatura e sostituita con una nuova
  • in alcun modo può essere “rigenerata” disinfettandola o, peggio ancora, lavandola.

Ovviamente, in questo senso, occorre anche che ci sia una disponibilità praticamente infinita delle classiche mascherine chirurgiche.
Bisogna, inoltre, imparare ad usarle al meglio. Come?

  • Facendo in modo che le mani non entrino in contatto con la parte esterna quando le mettiamo e le togliamo
  • Curando che naso e bocca siano ben protetti, anche lateralmente, pur se non perfettamente sigillati.

Occorre anche cambiarle di frequente. Perché? Perché altrimenti il loro effetto protettivo nei confronti degli altri potrebbe scemare rapidamente. Inumidendosi con il nostro respiro e sudore diventano un ricettacolo di virus e batteri.

Photo by Daniele Levis Pelusi on Unsplash

Le mascherine in stoffa, rischiose e potenzialmente controproducenti

Per ottenere le caratteristiche filtranti necessarie affinché una mascherina protettiva sia efficace, bisogna tenere conto che per fabbricarle NON sono adatti materiali che:

  • non siano idrofobici/idrorepellenti
  • non abbiano una trama fitta, priva di visibili interstizi anche sotto trazione
  • non siano dotati di sufficiente traspirabilità
  • e anche nel caso di tessuti-non-tessuti, NON sono comunque adatti quelli che sono realizzati con fibre di diametro superiore a 3 micron.

Come potete ben capire, i tessuti e le stoffe convenzionali NON possiedono tali capacità filtranti, perché hanno una trama e un ordito. Di conseguenza, sottoposti a trazione, si vengono a creare degli interstizi che diventano delle “porte aperte” per il virus!

ATTENZIONE A COME SI USA la mascherina PER NON RISCHIARE DI peggiorare la situazione!

Ribadiamo, se si decide di usare una mascherina (di qualunque tipo) è bene sapere che:

  • non tutte proteggono allo stesso modo
  • bisogna rispettare regole precise di igiene per indossarla e smaltirla
  • non bisogna in nessun caso tralasciare la regola aurea della distanza tra le persone

Ad esempio, molti toccano la parte esterna con le mani rischiando poi di contagiare se stessi una volta che la tolgono. Oppure si credono invulnerabili una volta indossata e abbassano la guardia sulle altre misure. Quindi, se non viene indossata e usata correttamente, la mascherina può essere lei stessa un veicolo di trasmissione del virus, in particolare se ci si continua a toccare il volto con le mani per sistemarla o se la si riutilizza più volte.

Per quanto concerne quelle di stoffa, possiamo affermare che: NON SOLO sono inutili per proteggerci dal coronavirus, MA SONO ANCHE PERICOLOSE se non utilizzate correttamente.

Cosa si può fare allora se si vogliono mettere in produzione delle mascherine in stoffa in quei contesti in cui è impossibile trovare le mascherine chirurgiche monouso in TNT? Forse sarebbe bene allegare alle mascherine in stoffa un foglietto illustrativo con:

  • una spiegazione chiara e dettagliata di come utilizzarla correttamente e di come disinfettarla dopo il suo uso.
  • l’avvertimento di mantenere in ogni caso la distanza di 1 metro da chiunque.
  • le norme di igiene che tutti sappiamo.

Tenendo sempre presente che, in ogni caso, essa rappresenta una barriera MOLTO debole e limitata contro il coronavirus. NON rende invincibili!

Infine, se volete, potete contribuire ad una corretta consapevolezza di quanto detto sopra condividendo le guide illustrate che abbiamo preparato e che potete scaricare andando a questo nostro articolo:

Emergenza COVID-19: Condividi le informazioni corrette.

Buona fortuna!

Photo by Daniel Tafjord on Unsplash

CONTATTACI

Alba Services è uno studio di consulenza specializzato in soluzioni per ridurre i costi di produzione. Siamo il punto di riferimento per chi vuole intraprendere e creare valore con la Tunisia.

Sei un imprenditore o un professionista interessato a conoscere le opportunità che il Paese dei gelsomini ha in serbo per te? Compila il modulo qui sotto per contattarci e prenotare la tua ALBA-SESSION | consulenza online di 60 minuti, gratuita e senza impegno. Sarai ricontattato dal nostro team nel giro di 48 ore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...